Convegno di studi “La strada è lunga”. Trilussa a 150 anni dalla nascita: l’uomo, il poeta, il narratore, l’intellettuale, il personaggio

Cari amici,

in occasione del 150° anniversario della nascita di Trilussa, il Centro Studio Giuseppe Gioachino Belli organizza il convegno di studi “La strada è lunga”. Trilussa a 150 anni dalla nascita: l’uomo, il poeta, il narratore, l’intellettuale, il personaggio nelle giornate del 5 e del 26 ottobre 2021.

A causa delle note questioni, si potrà assistere al convegno solo a distanza, in streaming al seguente indirizzo: https://bit.ly/2ZoXhZq

Grazie a tutti dell’attenzione, e a presto incontrarci

Il Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Marcello Teodonio

INFORMAZIONE PER I DOCENTI

La partecipazione al convegno sarà utile come formazione per i docenti per un totale di ore 8 per la prima sessione, e di ore 8 per la seconda sessione. Sarà rilasciato attestato di frequenza valido per gli usi consentiti. Si invitano i docenti a comunicare la loro presenza e a fornire l’elenco degli studenti partecipanti (e a verificarne le presenze durante gli incontri) all’indirizzo: centrostudiggbelli@gmail.com

Anche per gli studenti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

*****

Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Istituto Nazionale di Studi Romani

Università degli Studi di RomaTor Vergata

CLICI Università di Roma “Tor Vergata”

Accademia dell’Arcadia

Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea-CNR

CONVEGNO DI STUDI

“La strada è lunga”.

Trilussa a 150 anni dalla nascita: l’uomo, il poeta, il narratore, l’intellettuale, il personaggio

Introduzione

Erano passati dieci anni dall’Unità d’Italia, otto dalla morte di Belli, e soltanto uno dal 20 settembre, quando nacque quello che sarebbe diventato l’assoluto protagonista della poesia in romanesco della prima metà del Novecento, Carlo Alberto Salustri, il quale userà come nome d’arte l’anagramma del proprio cognome. Trilussa nacque da padre nativo di Albano e madre bolognese: è dunque l’espressione di quella enorme trasformazione che Roma stava subendo in quello scorcio di secolo, da piccola capitale di un regno universale sopravvissuta a sé stessa a grande città moderna capitale di un giovane stato. La sua vocazione alla poesia è precocissima sì che già a venti anni diventa non solo il più popolare poeta romano, noto e stracitato anche fuori le mura della ex città santa, ma anche uno dei punti di riferimento di tutti gli scrittori che intanto si andavano affacciando a Roma, per tentare di conquistarla o per esserne conquistati (D’Annunzio), magari per poi prenderne le distanze. Questo ruolo gli venne riconosciuto quasi malgrado lui stesso, ma al tempo stesso egli non fece nulla per toglierselo di dosso: anzi alcune sue abitudini esistenziali (le notti e le osterie, la mancanza di un lavoro stabile, la mai smentita scelta per una vita da scapolo) ne facevano una specie di bohémien sopravvissuto, che peraltro viveva la propria scelta non con l’ostentato sogno alternativo dei poeti maledetti, ma con il disincanto tutto romano di chi vede la propria e altrui esistenza dall’alto di una saggezza superiore. In realtà Trilussa volge il suo sguardo distaccato su tutto, e non c’è individuo (i potenti, i “bottegari”, il popolo, i preti, e lui stesso) o valore (la giustizia e la fratellanza, il progresso e la libertà) che scampi al suo scetticismo che si elabora grazie alla sua notevole perizia di usare il comico nelle più varie sfumature, dal farsesco all’umoristico, dal ridicolo al satirico, andando a scoprire e pungere i difetti che caratterizzano l’uomo di ogni tempo. Due valori però rimangono costantemente praticati e mai irrisi: la condanna della guerra, vero «macello» la cui prima e vera vittima rimane il popolo innocente, e l’esercizio della memoria, operazione peraltro malinconica e non consolatoria, giacché non riscatta ma semmai rende ancor più lontano il presente. E visto che neanche l’aldilà offre prospettive, si coglie quanta desolazione e quanto pirandelliano umorismo ci sia in queste poesie che parlano di animali, di una città tutta interiore, di un’umanità piccola o piccolissima schiacciata inesorabilmente dalla storia: «La strada è lunga, ma er deppiù l’ho fatto: / so dov’arrivo e nun me pijjo pena» (La strada mia).

Il percorso che Trilussa compie (e fa compiere alla poesia in dialetto) va dagli epigoni belliani, Ferretti e Zanazzo, alla cifra “ermetica” e simbolista di dell’Arco, mentre intanto la poesia in lingua da Carducci giungeva a Montale e Caproni attraverso Gozzano e Ungaretti. Che ne fosse consapevole o no, Trilussa trasforma lo statuto della lingua poetica dialettale in una prospettiva molto lontana da quella praticata dal coetaneo e “ottocentesco” Pascarella: la turgida parola romanesca, la “serciata” di Belli, così stancamente imitata dagli epigoni, subiva un processo che la allontanava sempre più dalla dialettalità bassa e la collocava dentro le coordinate della lirica d’arte novecentesca.

Descrizione del convegno

In occasione del 150° anniversario della nascita del celebre poeta romano Carlo Alberto Salustri (26 ottobre 1871- 20 dicembre 1950) meglio conosciuto come Trilussa, il Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli organizza un convegno di studi in due giornate per ricordare la figura dell’illustre concittadino romano per rendere omaggio alla sua memoria e ricordare quanto sia ancora attuale la sua opera poetica e letteraria.

Le due giornate, da tenersi nel mese di ottobre 2021, sono organizzate in collaborazione con l’Istituto Nazionale Studi Romani, l’Università di Tor Vergata e l’Accademia dell’Arcadia.

La prima giornata del convegno sarà dedicata all’Archivio Trilussa di cui il Museo di Roma in Trastevere possiede la parte più consistente, circa 10.000 documenti tra fotografie, cartoline, lettere, telegrammi, disegni e una corrispondenza di tipo amministrativo come contratti, fatture ed altro. Altre parti significative dell’Archivio Trilussa sono conservate presso l’Istituto Nazionale degli Studi Romani, a Milano presso la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, a Bologna presso l’Archivio del regista Alessandro Blasetti, e a Roma presso l’Accademia dei Lincei, e al fondo Ceccarius della Biblioteca Nazionale Centrale. L’intento della sessione è quello di ricomporre idealmente, nella sua interezza, tutto l’Archivio Trilussa attraverso gli interventi dei responsabili delle varie istituzioni, pubbliche e private, che ne conservano i materiali al fine di ottenere una inedita visione d’insieme tra la corrispondenza ricevuta e inviata dal poeta.

Nella seconda giornata saranno approfonditi gli aspetti relativi all’uomo e al poeta Trilussa all’interno del contesto storico nazionale e internazionale, affidando i contributi a docenti universitari, critici letterari, saggisti, storici, che sono oggi i massimi studiosi del poeta.

Omaggio a G.G. Belli – 7 settembre 2021

Omaggio a Belli

7 settembre 2021

Cari amici,

anche quest’anno, nonostante le obiettive difficoltà in cui ci si muove, riusciamo a stare insieme per ricordare il giorno della nascita di Belli, grazie alla cortesia del Presidente, il prof. Gaetano Platania, e la direttrice, dott.ssa Letizia Lanzetta, dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, che qui ringrazio.

Ci vediamo dunque

martedì 7 settembre alle ore 17

nel cortile dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, piazza dei Cavalieri di Malta 4.

Dedicheremo l’incontro alla figura di Trilussa, di cui quest’anno si ricorda il 150esimo della nascita.

E seguito er cammino / cor destino in saccoccia

Ci accompagneranno in questo percorso il massimo esperto della poesia di Trilussa, il nostro Claudio Costa, e gli attori Gemma Costa e Maurizio Mosetti.

Per le note questioni legate all’attuale situazione, potranno accedere all’evento soltanto i primi 40 (quaranta) amici che daranno la loro adesione al seguente modulo:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScAFT1aUkiNz8RRWBOQx2iZ2LAxMLUL3hWbvjH72LttURUJug/viewform

Ricordo che per poter accedere si dovrà procedere ai controlli del green pass e della temperatura.

Grazie a tutti e a presto rivederci!

 

Il Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Marcello Teodonio

“L’anno scompartito a pprova / tra Purcinella e Iddio” Maratona Belli – 21 aprile 2021

“L’anno scompartito a pprova / tra Purcinella e Iddio”

Maratona Belli – 21 aprile 2021

Roma, 20 aprile 2021

Cari amici,

anche quest’anno la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma e il Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli, con la realizzazione di Zètema Progetto Cultura s.r.l., hanno organizzato la Maratona Belli per ricordare nel giorno della fondazione della nostra città (21aprile) il suo massimo interprete, Giuseppe Gioachino Belli.

Stavolta la maratona ha ripercorso l’anno (eventi, momenti, feste, ricorrenze), che a Roma secondo Belli era “scompartito a pprova” (diviso a gara) tra Pulcinella e Dio (il sacro e il profano, lo spirito e il corpo, lo spirituale e il sensuale).

In allegato vi invio la scaletta con: l’orario in cui verranno messe in rete le interpretazioni; l’avvenimento dell’anno ricordato; l’interprete del sonetto; il titolo del sonetto.

Si potrà assistere alla maratona dalle ore 14.00 del 21 aprile sulla pagina Facebook della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali www.facebook.com/SovrintendenzaCapitolina.

Sul sito www.sovraintendenzaroma.it/, a evento concluso, la maratona resterà sempre accessibile.

Grazie a tutti.

E sempre evviva il nostro grande poeta, cui speriamo così di rendere omaggio come merita.

 

Il Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Marcello Teodonio

“Noantri? Semo bestie da cortile”. Le favole degli animali parlanti di Trilussa – Video

Cari amici,

in questa situazione in cui purtroppo si continua a non poterci incontrare, eccoci a voi tutti con un nuovo video, dedicato a Trilussa, del quale quest’anno si ricorda il 150esimo della nascita.

Il video, curato dal nostro Claudio Costa (che è il massimo esperto del poeta romano), riguarda un aspetto tipico e caratteristico della scrittura di Trilussa, quello degli animali parlanti:

“Noantri? Semo bestie da cortile”.
Le favole degli animali parlanti di Trilussa.

Regia di Andrea Aureli, con la partecipazione di Massimo de Vico Fallani. Le letture dei testi sono affidate a due giovani bravissimi interpreti, Andrea Amato e Gemma Costa.

Il video è stato caricato sul canale YouTube del Centro Studi ed è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=_RrsFRdEKks

Possiamo poi anticiparvi che anche quest’anno ce l’abbiamo fatta a organizzare la “Maratona Belli” per il 21 aprile, della quale vi daremo per tempo tutte le indicazioni in merito.

Grazie sempre a tutti, e speriamo proprio di poterci presto incontrare di nuovo!

Il Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Marcello Teodonio

Convegno di studi virtuale su Trilussa – 16 dicembre 2020

Il convegno si potrà seguire su piattaforma zoom al seguente indirizzo: https://us02web.zoom.us/j/86448943601?pwd=UzR2cXcrbHNmbkU2MTZvRURocDZRdz09

CENTRO STUDI GIUSEPPE GIOACHINO BELLI

 ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI ROMANI

Convegno di studi

La strada è lunga

Trilussa a 70 anni dalla morte

La seconda fase della produzione poetica di Trilussa
(i sei libri nuovi editi dal 1922 al 1944)

16 dicembre 2020 – ore 15.00

(incontro a distanza su piattaforma Zoom)

Presiede Luca Serianni

Saluto di Letizia Lanzetta – Direttore dell’Istituto Nazionale di Studi Romani

Saluto di Laura Biancini – Vicepresidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Interventi

Loredana MassaroLe cose

Davide PettinicchioLa gente

Giulio VaccaroLibro N. 9

Marcello TeodonioGiove e le bestie

Claudio CostaLibro muto

Franco Onorati Acqua e vino – con un contributo di Luigi Giuliani

 

Il convegno si potrà seguire su piattaforma zoom al seguente indirizzo: https://us02web.zoom.us/j/86448943601?pwd=UzR2cXcrbHNmbkU2MTZvRURocDZRdz09

 

Il convegno è stato realizzato grazie al contributo concesso dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

Roma, 20 settembre 1870 – Video

Cari amici,

dopo il nostro primo video, dedicato a Trilussa (un video che ha ricevuto un largo vostro gradimento), eccoci al secondo nostro incontro.

Stavolta abbiamo pensato di ripercorrere la giornata del 20 settembre 1870, di cui tra pochi giorni si celebra il 150esimo anniversario, facendo riferimento alle testimonianze di chi quel giorno c’era a Roma.

Il video è stato caricato sul canale YouTube del Centro Studi ed è disponibile al seguente link: https://youtu.be/q52mFSJufGc

Stiamo preparando altri video, che abbiamo deciso di produrre e di proporre comunque anche quando gli incontri a teatro e nei nostri convegni potranno riprendere, dei quali ovviamente sarete avvertiti via via che li avremo composti.

E speriamo che anche questo nostro video sia di vostro gradimento!

Marcello Teodonio

Incontro all’Istituto Nazionale di Studi Romani – 16 settembre 2020

Omaggio a Belli 2020

 

Roma, 8 settembre 2020

Cari amici,

quest’anno ricordiamo la data di nascita di Belli con due iniziative: la prima è stata quella del 6 settembre, con le tre passeggiate per Roma guidati anche da Belli e dai suoi sonetti, una iniziativa che è stata molto apprezzata dai pochi che vi hanno potuto partecipare; e questa che qui proponiamo, e cioè un incontro in cui ricostruiremo la giornata che ha cambiato la storia di Roma e del mondo

Roma, 20 settembre 1870

di Laura Biancini e Marcello Teodonio

con Stefano Messina e Maurizio Mosetti

L’incontro avverrà mercoledì 16 settembre alle ore 17,30 nel cortile dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, piazza dei Cavalieri di Malta 4.

Per le note questioni legate alla attuale situazione, potranno accedere all’evento soltanto i primi 30 (trenta) amici che daranno la loro adesione al seguente indirizzo email:

centrostudiggbelli@gmail.com

Nella domanda dovete indicare: nome, cognome, indirizzo email.

Ai trenta amici che potranno partecipare daremo conferma via email.

Vi preghiamo perciò di non presentarvi all’appuntamento se non avete la conferma da parte nostra.

Vi anticipiamo che dal giorno successivo, 17 novembre, sarà messo su youtube (con un link che presto segnaleremo a tutti) un nostro video sul medesimo evento del 20 settembre.

Grazie sempre della vostra attenzione, e a presto incontrarci.

IL PRESIDENTE DEL CENTRO STUDI GIUSEPPE GIOACHINO BELLI

Marcello Teodonio

6 settembre: a spasso per Roma con Belli

Roma, 2 settembre 2020

Cari amici,

dopo la pausa delle vacanze, riprendiamo i nostri incontri.

In occasione dell’anniversario della nascita di Belli, il Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli e la Sovraintendenza Capitolina di Roma organizzano quattro passeggiate per Roma accompagnati da storici dell’arte e dai sonetti di Belli, che saranno letti da alcuni dei nostri attori. Le quattro passeggiate, aperte a un massimo di 10 partecipanti, avverranno domenica 6 settembre mattina secondo le seguenti modalità.

Percorsi:

La Roma del Belli tra il Campidoglio e il Pantheon
•    Appuntamento ore 9.00 e ore 11.00 presso la biglietteria dei Musei Capitolini (piazza del Campidoglio 1)

La Roma del Belli tra piazza Venezia e Montecitorio
•    Appuntamento ore 9.00 e ore 11.00 presso la biglietteria dei Musei Capitolini (piazza del Campidoglio 1)

La Roma del Belli tra piazza Navona e San Pietro
•    Appuntamento ore 9.00 presso il Museo di Roma (piazza San Pantaleo 2)
•    Appuntamento ore 11.00 presso il Punto di Informazione Turistica di piazza Pia (adiacente ai giardini di Castel Sant’Angelo)

 

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria allo 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00).

Il percorso inizia dopo che i visitatori hanno effettuato il triage. È obbligatorio l’uso della mascherina.

L’Itinerario si svolge interamente all’esterno. Non è previsto l’ingresso all’interno dei Musei.

Troverete tutte le indicazioni al seguente indirizzo:

www.sovraintendenzaroma.it/content/una-fettina-de-roma

Nella speranza di aver organizzato un evento di vostro gradimento, vi auguriamo buona passeggiata!

Il Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli

Marcello Teodonio

Trilussa: una vita nella città eterna – Video

Cari amici,

questa attuale situazione ci ha impedito di proporre le nostre iniziative di incontro al teatro Argentina e in altri spazi. Allora abbiamo pensato di riprendere comunque i nostri contatti organizzando alcuni video che via via vi proporremo, e che ci accompagneranno in questo percorso verso una (speriamo prossima) ripresa degli incontri in presenza.

Iniziamo questa nuova forma di dialogo con un omaggio a un personaggio centrale della storia di Roma (e d’Italia) del Novecento: Trilussa. A guidarci è il massimo studioso del poeta romano, Claudio Costa, che ci riporterà nei luoghi della vita di Trilussa, accompagnati dalla interpretazione di alcune sue poesie.

Il video è stato caricato sul canale YouTube del Centro Studi ed è disponibile al seguente link: https://youtu.be/ZziuKhlC4NQ

Stiamo preparando altri video, che abbiamo deciso di produrre e di proporre comunque anche quando gli incontri a teatro e nei nostri convegni potranno riprendere, dei quali ovviamente sarete avvertiti via via che li avremo composti.

E speriamo l’iniziativa sia di vostro gradimento!

Buona estate a tutti

Marcello Teodonio