LI FIJJI

Disiderà li fijji, eh sora Ghita?
Sí, ppe le bbelle ggioje che vve danno!
Prima, portalli in corpo guasi un anno:
Poi, partorilli a rrisico de vita:
Allattalli, smerdalli: a ’ggni malanno
Sentisse cascà in terra stramortita:
E cquanno che ssò ggranni, oh allora è ita:
Pijjeno sú er cappello, e sse ne vanno.
Cqua nnun ze pò scappà da sti du’ bbivi:
Si ssò ffemmine, sgarreno oggni tanto:
Si ssò mmaschi, te viengheno cattivi.
’Ggniggiorno un crepacore, un guaio, un pianto!…
E vvòi disiderà li fijji vivi?!
No, nnò, ccommare: Paradiso santo!

Roma, 3 febbraio 1833

ER BON CAPO D’ANNO

Bbon capo-d’ajjo a llei, sora Maria.
Nun c’è arisposta? e cche vvor dì? vve fanno?
Eh oggi s’ha da vive in alegria
E nnun pijjasse de ggnisun malanno.

Anzi, io volevo, per nun dì bbuscìa,
Che ffascessimo inzieme un contrabbanno;
Ché cquer che se fa oggi, sposa mia,
Poi se seguita a ffà ppe ttutto l’anno.

Tutti li gusti hanno da èsse a ccoppia
In sto ggiorno; e inzinenta in paradiso
Se dà a li santi la pietanza doppia.

E pperché er Papa ha mmesso er giubbileo?
Perché er bambin Gesù ss’è ccirconciso,
E ‘r fijjolo de Ddio s’è ffatto ebbreo.

Roma, 24 dicembre 1832             Der medemo